MARZO - LE NEWS

 

1 032019

 

IL CONSORZIO VINI VALPOLICELLA A PROWEIN PER LA PRIMA TAPPA ESTERA DEL 2019

Il Consorzio vini Valpolicella presente anche quest’anno a Prowein con una collettiva di 27 aziende, per quella che è considerata una delle più importanti manifestazioni fieristiche enologiche a livello europeo e mondiale. A calendario 4 degustazioni tematiche condotte da due grandi esperti di vino italiano, Kevin Gagnon, Valpolicella Wine Specialist e il giornalista tedesco Steffen Maus. Si parte domenica 17, alle 11.00 con “Handcrafted Wines of Valpolicella" per proseguire nel pomeriggio, ore 15.00, con “Amarone della Valpolicella DOCG - Different vintages to taste". Il giorno seguente si riprende alle 11.00 con “Valpolicella Superiore, Ripasso, Amarone - Stilistictly very different?" per concludere poi con “Valpolicella Superiore, Ripasso, Amarone - What’s your favourite?” alle 15.00.

In accompagnamento alle degustazioni, i formaggi del Consorzio Asiago DOP e le prelibatezze della pasticceria Perbellini, presso il Valpolicella Wine Bar del consorzio (Padiglione 15 - Stand F41).

Inoltre, ai partecipanti della scorsa edizione del Valpolicella Education Program (VEP) che non hanno superato il difficile esame sarà data la possibilità di riaffrontare la prova scritta e il blind tasting presso lo stand consortile.

 

LE AZIENDE PRESENTI ALLA COLLETTIVA

Aldegheri, Antiche Terre Venete, Bennati, Cà dei Maghi, Ca’ Rugate, Clementi, Fasoli Gino, Fattori, Domenico Fraccaroli, I Campi, Le Calendre, Le Guaite di Noemi, Le Marognole, Mizzon, Montecariano, Monteci, Piccoli Daniela, Recchia, San Rustico, Scriani, Secondo Marco, Tenuta il Canovino, Tenute Falezza, Vigneti di Ettore, Villa Mattielli, Pietro Zardini, Zýmē

LE AZIENDE CHE PARTECIPANO ALLE DEGUSTAZIONI E AL BANCO MESCITA

Albino Armani, Bennati, Ca' dei Ronchi, Ca’ Rugate, Cantina Valpantena Verona, Corte Lonardi, Dal Cero in Valpolicella, Domini Veneti by Cantina Valpolicella Negrar, Fattori, I Tamasotti, Le Guaite di Noemi, Marco Mosconi, Massimago, Montecariano, Paolo Cottini, Roberto Mazzi e Figli, Roccolo Grassi, Rubinelli Vajol, Sala di Boscaini Paolo, Sartori di Verona, Tenute Ca' Botta, Tenute Fasoli, Villabella, Zonin

 

2 proweinvideo

3 032019

 

 

4 approfondimenti2019

 

APERTE LE ISCRIZIONI AL WINE PRAGUE (PRAGA, 28-30 MAGGIO) E VINEXPO SHANGHAI (SHANGHAI, 23-25 OTTOBRE)

Il Consorzio vini Valpolicella protagonista in Repubblica Ceca al Wine Prague 2019. Il prestigioso evento nella capitale ceca nasce nel 2015 e diviene presto occasione di riferimento per operatori del settore e wine lover dell’Europa Centrale (Repubblica Ceca, Polonia, Repubblica Slovacca, Ungheria, Austria). Una fiera di carattere internazionale, professionale, luogo d’incontro privilegiato tra produttori e buyers. Il Consorzio sarà presente con un proprio stand istituzionale e parallelamente organizzerà alcune masterclass guidate dal giornalista, degustatore e Valpolicella Wine Specialist, Michal Setka.

A fine ottobre invece, l’attività promozionale si sposta in Oriente, in occasione di Vinexpo Shanghai 2019. In Cina il vino italiano è sempre più apprezzato, venendo infatti scelto dal 30% dei consumatori premium cinesi e il Valpolicella per esempio vede migliorare la sua penetrazione passando dal 3% dei bevitori di vino regolari al 6% (fonte Wine Intelligence, Vinitrac®). Anche in questa occasione, in programma masterclass istituzionali di promozione e approfondimento del territorio e dei suoi vini.

Per maggiori info su come aderire agli eventi: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  

5 attualita2019

 

AGRICOLTURA E INDUSTRIA ALIMENTARE INSIEME CONTRO LE PRATICHE SLEALI

Vita breve, almeno sulla carta, per le tante pratiche sleali lungo la filiera agroalimentare nell’Unione Europea, grazie all’alleanza strategica tra agricoltura e industria agroalimentare. Questa collaborazione nasce dalla futura direttiva Ue, che ha creato le condizioni ideali per favorire un’intesa efficace da entrambe le parti. Così facendo, il settore primario fornirebbe prodotti agricoli sulla base degli alti standard richiesti, ottenendo prezzi garantiti su base pluriennale e superiori ai costi di produzione, mentre il settore della trasformazione conterebbe su un approvvigionamento sicuro del prodotto in qualità e quantità. Entrambe le parti ne trarrebbero beneficio, a vantaggio di tutti i consumatori europei. Questo progetto, sancito a Bruxelles dagli attori del settore dell’agri-food europeo (Copa-Cogeca e FoodDrinkEurope) rappresenta sicuramente una concreta opportunità di cambiamento. Il lavoro di squadra diventa un motore fondamentale per una filiera più equa, trasparente ed efficiente.

 

ECONOMIA CIRCOLARE: IL CAMBIO DI PASSO NECESSARIO PER UN'AGRICOLTURA A ZERO EMISSIONI NETTE ENTRO IL 2050

Secondo uno studio commissionato dall’European Climate Foundation e realizzato dall’Istituto europeo per le politiche ambientali (Ieep), entro il 2050 si rende necessario il raggiungimento dell’obiettivo delle zero emissioni nette in agricoltura. Quindi, raggiungimento dell’equilibrio tra emissioni e assorbimento di CO2. Fondamentale, sostiene lo studio, che l’UE sviluppi una gerarchia di azioni (eliminare gli sprechi, diminuire il consumo dei prodotti di origine animale, valorizzare la produzione stagionale) volte a ridurre le emissioni nel settore agroalimentare.