FEBBRAIO_LE NEWS

 

ANTEPRIMA AMARONE: NUMERI DA RECORD PER IL CINQUANTESIMO DELLA DOC

1febbraio

71 produttori, più di 140 etichette esposte e circa 3000 visitatori tra ospiti nazionali, stranieri e stampa proveniente da tutto il mondo. Per gli esperti del settore, ma anche per i semplici amanti del buon vino italiano, questa rimarrà sicuramente un’ Anteprima da ricordare. Con l’ultima giornata di manifestazione, si è conclusa ufficialmente la settimana di eventi organizzati dal Consorzio per Tutela Vini Valpolicella in celebrazione dei primi 50 anni della DOC. Vino, tanto, ma non solo: sostenibilità, educazione, tradizione e internazionalizzazione. “Abbiamo voluto rendere omaggio all’Amarone e a tutte le eccellenze del nostro territorio valorizzando i diversi aspetti che rendono grandi questi vini”, spiega il direttore del Consorzio Olga Bussinello. “Il Valpolicella Education Program ha permesso ad esperti del settore provenienti da tutto il mondo di conoscere e apprezzare nel profondo la Valpolicella, mentre con il Sustainable Winegrowing Summit abbiamo approfondito l’aspetto a noi molto caro della sostenibilità. Infine, con Anteprima Amarone, abbiamo voluto dedicare tre giorni alla celebrazione del “Grande Rosso” della Valpolicella, il vino che più di tutti porta alto il nome del Made in Italy nel mondo”.

 

NASCE LA NUOVA COMMUNITY CON I PRIMI
VALPOLICELLA WINE SPECIALIST
 

2febbraio

VEP è il corso di alta formazione sui vini della DOC, nato quest'anno, con il duplice obiettivo di far conoscere la qualità dei vini della Valpolicella e di promuovere il territorio attraverso le sue eccellenze. Sono stati 7, su 21 totali, i candidati che hanno superato il difficile esame finale: FELIX ZHANG, dalla Cina ed Head Sommeler dell’ Hakkasan Shanghai, DEBORAH PARKER WONG, dagli USA, Global Wine Editor per il SOMM Journal, il The Tasting e Clever Root, DAENNA VAN MULLIGAN, dal Canada, contributor per Montecristo, Taste, Vines Magazines e publisher per WineDiva e WineScores, JENNIFER ROSSBERG, dalla Germania, WSET Certified Educator, SZYMON MILONAS, dalla Polonia, proprietario della Wine rePublic School, WAI XIN CHAN, da Singapore,  Wine Communicator e proprietario del blog Wine Xin e infine WEI ZHOU, dalla Cina, Managing Director di Vine Hoo. A loro il difficile compito di rappresentare i vini della Valpolicella, attraverso attività di comunicazione e promozione all'estero. Obiettivo: raggiungere in maniera più efficace il consumatore finale.

 

RUBRICA: APPROFONDIMENTI

gennaio18 3

 

A PROWEIN LA PRIMA TAPPA DEL
“VALPOLICELLA 50 ANNIVERSARY TOUR”

Partirà dalla Germania, uno dei paesi più importanti per il nostro export e dalla fiera di Prowein, la prima tappa estera del “Valpolicella 50 Anniversary Tour”. I dati, aggiornati al 2017, infatti, evidenziano una propensione all’export del “Grande Rosso”, pari al 68%, con la Germania, come sempre, assoluta protagonista, considerando che il 24% del prodotto Amarone, finisce qui. A Prowein ci sarà dunque la possibilità di assaggiare il meglio delle produzioni del nostro territorio, dall’Amarone della Valpolicella DOCG e Ripasso DOC, al Valpolicella DOC e Recioto della Valpolicella DOCG.

In una piccola intervista, Jennifer Rossberg, una dei nostri Specialisti, ci ha dato la sua opinione sul mercato tedesco: “L’Amarone è molto importante per la Germania, ma il Valpolicella DOC è ancora sconosciuto. L’Amarone è elegante e allo stesso tempo morbido, interessante per i ristoranti e per tutti gli abbinamenti che si possono creare con i piatti della cucina tedesca; rappresenta la grande sfida della Germania e a Monaco sta diventando sempre più popolare. Le persone qui sono molto selettive, ricercano etichette speciali e di qualità uniche. L’Amarone è più semplice da comprendere rispetto a Barolo e Brunello, per esempio, e il suo messaggio arriva subito. Ha una gradazione alcolica superiore, ma non presenta la stessa difficoltà di beva. Per quanto riguarda i posti d’acquisto, quelli che vanno per la maggiore, qui, sono senz’altro i Wine Shop, dove l’Amarone è un bestseller”.

 

RUBRICA: ATTUALITÀ

4 sett

 

I NUMERI DI PROWEIN

1700 espositori. La delegazione italiana è la più numerosa tra tutte quelle che parteciperanno dal 18 al 20 marzo a Dusseldorf per Prowein, la fiera internazionale dei vini e dei liquori. Un segnale importante per l'economia italiana perché in Germania l' export di vini italiani e alcolici è cresciuto nei primi nove mesi dell'anno scorso del 2% in valore (710 milioni di euro) rispetto allo stesso periodo del 2016 e, in previsione, potrebbe crescere fino al 3% per tutto il 2018. "Lo scorso anno - spiega il direttore della Prowein Marius Berlemann - due visitatori su tre erano perlopiù manager di categoria medio-alta; quasi il 60% dei visitatori professionali ha concluso degli affari o ha programmato degli ordini subito dopo la fiera, mentre il 54% di essi ha avuto la possibilità di trovare nuovi fornitori. Tutto ciò è reso possibile anche grazie ad una macchina organizzativa notoriamente solida ed efficiente, affiancata da una serie di iniziative studiate ad hoc per dare una panoramica globale sulle principali tematiche e sui nuovi trend del settore”.