La Zonazione

La "Zonazione" della Valpolicella.

Il Consorzio Tutela Vino Valpolicella, con la Regione Veneto e Veneto Agricoltura, si è fatto promotore del progetto di Zonazione viticola della Valpolicella.

Con il termine Zonazione Viticola si intende lo studio di un comprensorio viticolo al fine di determinare l’attitudine di differenti zone, omogenee dal punto di vista ambientale, alla coltivazione di determinati vitigni. Il territorio indagato viene infatti ripartito in aree omogenee (Unità Di Paesaggio) in funzione delle loro potenzialità produttive rispetto a differenti obbiettivi enologici. Si tratta di uno studio organico e approfondito della DOC, della durata di tre anni. Saranno coinvolti tutti gli attori della filiera vitivinicola, i produttori e le cantine. Il ruolo del Consorzio sarà l’assidua presenza sul territorio con i propri tecnici, i quali seguiranno i vigneti sperimentali, le vendemmie e le microvinificazioni fino alle degustazioni dei vini ottenuti.

Tutto questo al fine di rilevare la vocazionalità: lo studio del territorio viticolo e della stretta correlazione tra vitigni autoctoni, corvina, rondinella e corvinone, con l’ambiente di coltivazione, inteso sia nella componente pedologica, le caratteristiche chimico fisiche del terreno, che nella componente climatica, temperatura, umidità, radiazione solare. La Zonazione è uno strumento al servizio del viticoltore e del vinificatore, utile quanto indispensabile per compiere le scelte operative migliori, per ottenere il massimo risultato in termini di qualità, iniziando dall’impianto di un nuovo vigneto e terminando con l’apertura della bottiglia.

In questo primo anno di attività sono state individuate le Unità Di Paesaggio, e all’interno di ogni Unità sono stati individuati i Vigneti Guida, studiati mediante il rilievo delle fasi fenologiche, tramite l’andamento della maturazione sia tecnologica che fenolica delle uve, tramite la vendemmia finalizzata alla microvinificazione e tramite la potatura invernale, rilevando in questo caso il peso del legno di potatura. Le uve raccolte sono state microvinificate e i vini ottenuti verranno sottoposti ad analisi sensoriale per valutare l’impronta del territorio sull’espressione delle uve, quindi sul vino. Tutti i dati dei tre anni di sperimentazione porteranno alla redazione del Manuale d’uso del Territorio, contenente i risultati delle indagini viticola e pedologica, le schede tecniche e le carte tematiche a servizio del viticoltore nelle pratiche agronomiche di gestione del vigneto (scelta dei portinnesti, gestione del suolo, concimazioni, forme di allevamento, gestione in verde, etc.), poiché nella viticoltura moderna è fondamentale effettuare le scelte giuste per ottenere risultati sicuri.

Il Consorzio di Tutela si è fatto carico dell’impegno per portare a compimento la Zonazione, affiancato da Regione Veneto e Veneto Agricoltura, per valorizzare e qualificare sempre più il vino Valpolicella nel mondo, un prodotto tipico con tutte le carte in regola per reggere il confronto con il mercato globale.

La Zonazione Viticola della Valpolicella